Laboratorio di storia di Rovereto
1 di 71
Locandina
Allegati
Incontro
Giorno del ricordo 2024
"Adriatico amarissimo. Una lunga storia di violenza"
Rovereto, Sala Caritro
13 febbraio 2024, ore 17:30

In occasione del Giorno del Ricordo 2024, il Laboratorio di storia di Rovereto organizza un incontro presso la Sala Conferenze della Fondazione Caritro di Rovereto dal titolo "Adriatico amarissimo. Una lunga storia di violenza" con la partecipazione di Roberto De Bernardis, Presidente ANVGD di Trento, Raoul Pupo, già professore di storia contemporanea all'Università di Trieste e Giorgio Mezzalira, storico.

L'espressione "Adriatico Amarissimo" è di Gabriele D'Annunzio e si riferisce alla dominazione, fino al 1914, dell'Impero austro-ungarico sull'Adriatico; ma questo mare e le sue coste e i popoli che da sempre lo abitano, per secoli hanno subito una presenza dominante e straniera, tanto più nel XX secolo. Nel racconto dello storico Raoul Pupo, "la stagione delle fiamme" e la "stagione delle stragi" si succedono, senza sosta, al confine orientale della regione adriatica. "Chi oggi, venuto da chissà dove, d'estate prende il sole a Capo Promontore, al vertice del triangolo istriano e guarda il mare senza fine, non immagina che neanche settant'anni prima dalla terra alle sue spalle almeno metà della popolazione, quella italiana, ha dovuto prendere la via dell'esilio. Chi naviga fra i mille scogli della Dalmazia, dove tutto è azzurro e bianco, di solito non sa che l'isola amena all'orizzonte, Arbe/Rab, ha ospitato durante la seconda guerra mondiale un campo di concentramento in cui sono morti a frotte donne, vecchi e bambini, sloveni e croati, deportati dalle loro case distrutte dalle truppe italiane di occupazione.
Non sa nemmeno che l'altra roccia un po' più in là, l'Isola Calva/Goli Otok ha visto funzionare il più spaventoso dei campi di rieducazione inventati dallo stalinismo in versione titoista. Che tutto ciò sia potuto accadere non stupisce visto che quasi tutto il Vecchio continente, in quei decenni fra due guerre mondiali e una guerra fredda, ebbe modo di sperimentare gli orrori della modernità al servizio di progetti di conquista. Alcune parti d'Europa, come la riviera adriatica, ebbero però in sorte di provare in rapida successione alcune forme di dominio tra le più brutali fra quante popolarono il secolo breve: fascismo, nazismo, comunismo. Esse si affermarono con la violenza e sull'esercizio della violenza fondarono in buona parte il loro potere."

(Raoul Pupo, "Adriatico amarissimo")

Per i docenti, l'incontro è riconosciuto valido ai fini dell'aggiornamento

 

Questo evento fa parte del progetto
Giorno del ricordo
Giorno del Ricordo