Laboratorio di storia di Rovereto
Appuntamenti
2 di 44
Teatro. Cuori pensanti. Teatro Zandonai Rovereto. Immagine 3
Teatro
Cuori pensanti
Storie parallele di deportati. 1939-1945
Teatro Zandonai, Corso Bettini, 78
Rovereto (TN)
27 gennaio 2019, ore 20:45

In occasione della Giornata della memoria 2019 il Laboratorio teatrale studentesco, da sempre affiancato al Laboratorio di storia di Rovereto, presenta Cuori pensanti: un racconto corale che si avvale di parole, movimenti, musiche, canti.

Testi a cura del Laboratorio di storia di Rovereto
Regia di Michele Comite
In collaborazione con Comune di Rovereto e Associazione ANPI sezione di Rovereto
Lunedì 28 ore 10 rappresentazione per le scuole
Ingresso libero

Di notte, mentre ero coricata nella mia cuccetta, circondata da donne e ragazze che russavano piano, o sognavano ad alta voce, o piangevano silenziosamente, o si giravano e rigiravano – donne e ragazze che dicevano così spesso durante il giorno: “non vogliamo pensare”, “non vogliamo sentire, altrimenti diventiamo pazze” -, a volte provavo un'infinita tenerezza, me ne stavo sveglia e lasciavo che mi passassero davanti gli avvenimenti, le fin troppe impressioni di un giorno fin troppo lungo, e pensavo: “Su, lasciatemi essere il cuore pensante di questa baracca”. Ora voglio esserlo un'altra volta. Vorrei essere il cuore pensante di un intero campo di concentramento.”

Da questa nota di diario (3 ottobre 1943) di Etty Hillesum, giovane ebrea olandese chiusa nel campo di Westerbork e poi tradotta ad Auschwitz, dove morirà, traeva il titolo il progetto di un Laboratorio teatrale studentesco che, sotto la guida di Michele Comite, avrebbe coinvolto un nutrito gruppo di ragazzi e ragazze di tutte le scuole superiori di Rovereto e dell'università per dare sviluppo alle precedenti numerose esperienze di “teatro della memoria”. Nacque così, fra il 2013 e il 2014 Cuori pensanti, lo spettacolo dedicato alla Giornata della memoria, nel quale le vite anonime di trentini deportati in Germania sarebbero state messe a confronto e intrecciate con le vite ben più conosciute di altri deportati, di altre città e di altri paesi, a cui furono legate dal filo, talvolta esile spesso beffardo, della crudeltà. E così la storia del Trentino e dei trentini sarebbe entrata a far parte a buon diritto di una storia più ampia, europea, mondiale.

Per quattro anni il Laboratorio teatrale studentesco, che si affiancava al Laboratorio di storia di Rovereto, mise in scena e portò nei teatri del Trentino Cuori pensanti: uno spettacolo fatto di danza, di teatro, di musica dal vivo e di voci. Poi negli ultimi due anni, pur frequentemente richiesto, tacque, perso nei differenti destini dei suoi attori e musicisti. Oggi straordinariamente ritorna in scena, con un gruppo  di ragazzi di allora e altri di oggi: per la Giornata della memoria 2019 e anche per festeggiare il 30° compleanno del Laboratorio di storia.